Diario dal carcere

9.00

Disponibile

Gli ultimi scritti del Capitano prima di essere assassinato

2 disponibili

Autore:Corneliu Zelea Codreanu
Casa editrice: Edizioni di Ar

La figura di Corneliu Codreanu fu di “asceta della politica”. Da questo testo, che raccoglie gli ultimi scritti del Capitano prima di essere assassinato (composti mentre egli era rinchiuso nelle carceri di Jilava e di Doftana), traspaiono tutte le sue qualità più lucenti. “C’erano in lui saggezza e coraggio, sogno e realtà, forza e bellezza fisica di un semidio, semplicità e limpidezza evangelica…”: così il principe Sturdza lo descrisse.

Anno

2011

Pagine

66

Corneliu Zelea Codreanu

Fu nostra volontà che la Legione si formasse su un evidente base cristiana, per poter affrontare la miscredenza del mondo e per poter preparare questi giovani alla resistenza nei mesi di odio e di malvagità che sarebbero sopraggiunti su di loro e su di noi. Cosi, mentre fondando la Legione li esponevamo all’odio del mondo, nello stesso tempo davamo loro anche l’antidoto necessario, la fede in Dio. Questo fu il carattere primario della Legione. Il secondo fu il carattere guerriero della disciplina, del coraggio, del sacrificio, della fiducia nelle proprie possibilità. Era una fusione meravigliosa: l’Icona rappresentava la fede, e la guardia che le si faceva giorno e notte rappresentava lo spirito guerriero. Da questi due caratteri è scaturita la Legione.