Filemone e Bauci

14.00

Disponibile

La morte nel mondo mitico e nel mondo tecnico

1 disponibili

Autore:Ernst Junger
Casa editrice: Guanda

Il libro:

Ernst Jünger, intellettuale sui generis che ha lasciato un marchio indelebile nella cultura occidentale del XX secolo, rilegge il mito di Filemone e Bauci, simbolo dell’ospitalità e dell’amore eterno tra due persone tramandato da Ovidio, alla luce della tragica scomparsa di due suoi cari amici.

Il 2 ottobre del 1971, René Marcic, studioso di diritto e caro amico di Ernst Jünger, muore con la moglie Blanka e altri sessantuno passeggeri in un disastro aereo. Un fatto di cronaca, questo, che incarna all’apparenza la «morte banale» del nostro tempo, frutto del mondo tecnico e della sua accelerazione: l’incidente insensato, che non bada ai meriti, alle colpe, e dunque neanche alla singolarità delle vittime e al loro rango spirituale. Se a esserne colpiti sono degli amici, però, si impone la necessità di tentare una lettura diversa, di «affrontare l’evento liberandolo dalla casualità e dagli inganni dell’epoca». La via scelta dall’autore è il ricorso a un mito dai toni sommessi, eppure di grande e inalterata potenza – la storia di Filemone e Bauci narrata da Ovidio nell’VIII libro delle “Metamorfosi” –, in cui la morte condivisa e simultanea dei due coniugi è un premio concesso loro dagli dèi in cambio della generosa ospitalità ricevuta, e il morire un fatale momento di passaggio e trasformazione. Divenuti rispettivamente quercia e tiglio, nel racconto ovidiano Filemone e Bauci, simbolo dell’amore duraturo, che con i loro fiori e frutti rappresentano non più «la vita di un singolo bensì l’intera stirpe», sono oggetto di venerazione per le generazioni future. Ma è un privilegio di cui, non a caso, verranno privati per sempre, con cieca ferocia, nel Faust di Goethe, da uno «spirito pianificatore» che vede nel loro appagamento per una vita modesta e senza pretese un fastidioso intralcio.

Anno

2018

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Ernst Junger

"Noi non vogliamo un mondo pacifico e ben costruito. Vogliamo un mondo con la sua melodia infinita, con la dolorosa tensione dei contrasti, con tutte le tonalità di colore. Per noi la vita è giusta nella sua totalità" Per approfondire la figura di Ernst Junger: https://www.azionetradizionale.com/2014/07/08/ernst-junger-il-ribelle/