Il fascio e la mezza luna

38.00

Disponibile

1 disponibili

Autore:Manfredi Martelli
Casa editrice: Settimo Sigillo

Il libro: La volontà di esercitare un ruolo di grande potenza mediterranea e la progressiva maturazione delle sue aspirazioni imperiali implicarono per l’Italia a partire dai primi anni Trenta la necessità di sviluppare e consolidare i suoi rapporti con le componenti più rappresentative del nazionalismo arabo. Nato durante gli ultimi anni della dominazione ottomana, il movimento irredentista del Vicino Oriente cominciò a costituire un fenomeno estremamente rilevante per la stabilità della regione a seguito della Grande Guerra con  l’instaurazione del regime dei Mandati  da parte della Società delle Nazioni e con la politica di immigrazione ebraica verso la Palestina favorita dalla Dichiarazione Balfour. La lotta contro la dominazione franco-britannica portata innanzi soprattutto dal Gran Mufti di Gerusalemme Amin el-Husseini e dal Primo Ministro irakeno Rashid Ali’ el-Gailani, andò sempre più intensificandosi a partire dalla seconda metà degli anni Trenta quando la solidarietà delle grandi Potenze europee era ormai definitivamente tramontata.

Anno di pubblicazione

2003

Pagine

638

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Manfredi Martelli