Insert Kopeyki

10.00

Disponibile

I videogiochi nell’universo comunista

2 disponibili

Autore:Stelio Fergola
Casa editrice: Passaggio al Bosco

Il libro

INSERT KOPEYKI” è un contributo originale e unico nel suo genere: si tratta della prima analisi in lingua italiana sul ruolo dei videogiochi nel mondo comunista.

La copiosa letteratura che affronta la materia, infatti, si limita a trattare il fenomeno nel contesto occidentale ed estremo orientale, concentrandosi sull’evoluzione di un mercato che – partendo dagli Stati Uniti e dal Giappone – ha allargato costantemente le proprie maglie fino a sviluppare intrecci interessanti con la musica e con il cinema. Ma cosa accadeva, al tempo dei primi arcade e delle prime console, al di là della “cortina di ferro”?

Questo pamphlet vuole essere un modo leggero e divertente di approfondire il tema dell’intrattenimento elettronico, leggendolo con la lente d’ingrandimento della storia: dai difficili equilibri della Guerra Fredda alla perenne competizione tra Est ed Ovest, passando per il successo planetario di Tetris e per le contraddizioni dell’economia pianificata.

Strumento di propaganda o mezzo di evasione, il videogioco ha caratterizzato gli ultimi anni delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, lasciando un solco profondo: un viaggio inedito nel costume e nella vita quotidiana di un universo che – per molti aspetti – resta ancora sconosciuto ed impenetrabile.

Anno

2021

Pagine

102

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Stelio Fergola

Stelio Fergola nasce a Napoli nel 1981, è giornalista professionista e si occupa di Storia moderna e contemporanea. Laureatosi in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali con una tesi dal titolo Dall’illusione del benessere alla stagnazione: l’URSS negli anni di Breznev, ha lavorato per il quotidiano il Roma di Napoli. Nel 2016 dirige il giornale online Azione Culturale e pubblica il saggio Dallo Stato confessionale allo Stato ateista: i percorsi storici di una nuova religione di Stato, per la rivista scientifica Il Pensiero Storico. Dal 2017 è direttore e co-fondatore del giornale, nonché progetto editoriale e culturale Oltre la Linea. Lo stesso anno pubblica, per Edizioni La Vela, La cultura della morte. Aborto, eutanasia e nuovo vangelo progressista. Ulteriori opere dell’autore sono “Fantozzi”: un paradigma pop dell’espansione e metamorfosi ideologica del comunismo italiano negli anni Settanta (Il Pensiero Storico, 2017) e il saggio L’inganno antirazzista. Come il progressismo uccide identità e popoli (Passaggio al Bosco, 2018).