La filosofia della forza

7.00

Disponibile

“Inesausti e inesplorati sono ancor sempre l’uomo e la terra umana”

2 disponibili

Autore:Benito Mussolini
Casa editrice: Edizioni di Ar

Un rovente immoralista, un risoluto antidemocratico, un appassionato antimoderno, un pensatore del destino dei belli e dei forti, dei migliori, desideroso di una impietosa bonifica di ciò e di chi era “malriuscito”: questo, per il giovane Mussolini, è Nietzsche. Un alunno di Omero, dell’aristocratico Teognide, di Eraclito e di Dioniso “dolcissimo e terribile”, lo scorticatore di Kant e di ogni idealismo.

Anno

2006

Pagine

44

Benito Mussolini

Il Fascismo è prima di tutto un movimento spirituale il cui obiettivo è ridestare l’uomo dal disordine nato con l’Illuminismo. Né di destra, né di sinistra, avverso ai miti dell’ideologia liberale e immune dalle suggestioni del socialismo, il Fascismo si colloca come superamento delle correnti politiche del XIX secolo, affermando una visione del mondo in necessario conflitto con il tipo umano borghese, destinato ad essere spazzato via dall’uomo nuovo fascista.