La sinistra fascista

14.00

Disponibile

Storia di un progetto mancato

1 disponibili

Autore:Giuseppe Parlato
Casa editrice: Il Mulino

“Uno dei migliori e più approfonditi risultati della nuova storiografia e un contributo di primo piano allo studio della galassia fascista” (Francesco Perfetti) Questo volume porta alla luce la più inquieta fra le diverse e non di rado conflittuali anime del fascismo: la cosiddetta sinistra fascista. Parlato identifica i tratti salienti del mosaico di idee, valori e umori che ne costituisce l’identità, seguendo il “fiume carsico” della sinistra fascista oltre la fine del Ventennio, fin dentro gli anni Settanta. Un forte spirito antiborghese e anticapitalistico, un’idea della politica come rivoluzione, l’obiettivo di una democrazia popolare totalitaria di radice rousseauiana caratterizzano questo fascismo che ha le sue origini nel sindacalismo rivoluzionario d’anteguerra, e il suo habitat nelle strutture sindacali e nelle organizzazioni giovanili universitarie. Con la seconda guerra mondiale i fascisti di sinistra scelsero spesso sponde opposte: alcuni rimasero fedeli al proprio essere fascisti, altri al proprio essere rivoluzionari ed entrarono nel partito comunista, dove occuparono anche posti di prestigio. Giuseppe Parlato è professore di Storia contemporanea alla Libera Università S. Pio V di Roma, dove è attualmente rettore. Con il Mulino ha pubblicato anche “Fascisti senza Mussolini. Le origini del neofascismo in Italia, 1943-1948” (2005).

Anno

2008

Pagine

404

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Giuseppe Parlato