Le configurazioni del fascismo

13.00

Disponibile

spiritualità e tendenza socializzatrice

1 disponibili

Autore:Vilfredo Pareto
Casa editrice: Edizioni di Ar

L’Italia post-1918 è ricca di forze centrifughe (le leghe «rosse», il sindacato dei ferrovieri e dei tramvieri) e di forze centripete (gli interessi dei plutocrati, della borghesia produttiva). Pareto configura il fascismo come una forza politica di restaurazione del potere centrale tutt’altro che invisa alla plutocrazia, ma ricca, al proprio interno, di tendenze socializzatrici. Secondo la sua analisi, avrebbe rappresentato una sorta di ‘governo di salute pubblica’, in grado di tutelare gli interessi consolidati messi in pericolo dalla rivoluzione del biennio rosso e di inserire forzosamente il proletariato nel quadro della nazione con una politica di riforme sociali condotta ‘dall’alto’.

Anno

2012

Pagine

134

Vilfredo Pareto

Vilfredo Federico Damaso Pareto è stato un ingegnere, economista e sociologo italiano. Con Gaetano Mosca fu tra i teorici della corrente politica dell'elitismo. Di grande versatilità mentale, Pareto è stato tra le menti più eclettiche vissute nella seconda metà dell'Ottocento e all'inizio Novecento.