Parlo con Bruno

15.00

Disponibile

Con prefazione di Edda Negri Mussolini

2 disponibili

Autore:Benito Mussolini
Casa editrice: Pagine

Il libro:

Ci sono libri che rimangono nel cuore nel momento in cui li leggi ma che sono poco conosciuti ai più. Uno di questi sicuramente è “Parlo con Bruno”, scritto da Benito Mussolini per ricordare suo figlio Bruno, morto a soli ventitré anni che, con la sua dipartita, lasciava la moglie Gina e una figlia di solo un anno, Marina. Proprio a lei il nonno dedicò il suo scritto: “A Marina, perché, un giorno, conosca suo padre.” dalla prefazione di Edda Negri Mussolini.

Una dedica che racchiude in poche righe tutto l’amore e le emozioni che si leggeranno nel libro senza dubbio più accorato e sincero di Mussolini, e che rievoca, sullo sfondo delle incalzanti vicende del secondo conflitto mondiale, la figura del figlio forse meno conosciuto del Duce, ma che proprio per il carattere corretto, semplice, sportivo, disciplinato, racchiude a pieno quell’idea di homo novus che il fascismo auspicava.

Anno

2019

Pagine

170

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Benito Mussolini

Il Fascismo è prima di tutto un movimento spirituale il cui obiettivo è ridestare l’uomo dal disordine nato con l’Illuminismo. Né di destra, né di sinistra, avverso ai miti dell’ideologia liberale e immune dalle suggestioni del socialismo, il Fascismo si colloca come superamento delle correnti politiche del XIX secolo, affermando una visione del mondo in necessario conflitto con il tipo umano borghese, destinato ad essere spazzato via dall’uomo nuovo fascista.