Percorsi al femminile

4.00

Disponibile

La donna dalle origini ai giorni nostri.

3 disponibili

Best seller
Autore:Comunità Militante Raido

Posizione best seller

N. 9 in Fascicoli

N. 1 in Libri al femminile

COD: FASC71644 Categorie: ,

( Raido )


La donna dalle origini ai giorni nostri

Documenti per il Fronte della Tradizione – fascicolo a cura del Cuib Femminile di Raido

Scritti di: Mario Polia, Sonia Michelacci, Ausiliarie SAF

Pagine: 68

Anno: 2010

Premessa

Come cuib femminile di Raido, era da tempo che si pensava a dar vita ad alcune iniziative che andassero a colmare, nel cosiddetto ambiente di destra, quel vuoto relativo al ruolo della donna che raramente è stato trattato e che spesso è stato inquadrato in una chiave decisamente marginale.
Negli anni, infatti, oltre ad esplicare in maniera organica il nostro lavoro nella comunità militante di Raido, abbiamo avvertito sempre più forte la necessità di fornire alcuni contributi, senza la pretesa di essere esaurienti, relativi ad una militanza al femminile.
Con il fascicolo “Il coraggio di essere donna”, – una raccolta di articoli apparsi sulla rivista Raido – abbiamo lanciato il primo segnale, riscuotendo peraltro l’interesse di molte ragazze, militanti e non, con le quali si è potuto dar vita a successive e proficue iniziative.
Ecco allora nascere “Percorsi al femminile”, un ciclo di quattro conferenze sulla donna dalle origini ai nostri giorni, un excursus storico, dove è stata disegnata una linea immaginaria, o meglio è stato tracciato un percorso per la donna che vuole muovere i primi passi verso una conoscenza ed una coscienza di sé.
Una strada di ricerca e di riscoperta che, come nel caso dell’uomo, presenta molte insidie e difficoltà ma non per questo è meno avvincente ed affascinante.     All’interno di questo fascicolo, che rappresenta la controparte editoriale di quanto sopra, abbiamo raccolto, gli interventi degli ospiti che hanno partecipato, mantenendo lo stesso sviluppo logico delle conferenze. Come dire: verba volant, scripta manent!
I primi due scritti sono opera del prof. Mario Polia il quale, in “Mater et Domina”, Madre e Signora, evidendenzia l’aspetto duale della donna attraverso l’osservazione, seconda una nuova prospettiva, delle sue peculiarità e complessità: l’Afrodite Urania (la Venere, stella dell’albore), l’Afrodite pandemia (la divinità del popolo), la donna romana e la donna greca, passando anche per  la figura femminile nella tradizione Inca.
Con “Il mistero della dama”, invece, l’assoluta protagonista è la donna al tempo dei cavalieri, la Dama il cui arduo compito è sostenere la ricerca della via di Giustizia e di Luce del proprio Cavaliere.

Facendo un salto di alcuni secoli, il terzo scritto evidenzia, grazie al contributo delle ausiliare del Servizio Ausiliario Femminile – S.A.F. – Nadia Sala e Velia Mirri, una tra le principali virtù femminili: la fedeltà. Chi meglio di loro, nel recente passato, ha saputo incarnarla e, con assoluto spirito di dedizione, rendersi disponibile per contribuire a salvare la patria nell’ora più dura e drammatica? Come avvenuto già in passato in altre conferenze e come da tempo, grazie all’amicizia ed alla collaborazione che ci è stata concessa, abbiamo avuto la fortuna di ascoltare ed in questo scritto riportare le loro testimonianze, le parole di chi, compiuta la Scelta, ancora oggi vi mantiene fede.
Infine l’ultimo scritto, dal titolo “La Donna fra Tradizione e Rivoluzione. Il ruolo femminile tra avanguardia e nuove schiavitù” è stato curato dall’Avv. Sonia Michelacci.
Analizzare la donna oggi, avendo però in vista la donna di Sparta o Evita Peron, districarsi nei perigliosi sentieri del mondo moderno tra femminismo, post femminismo e falsi miti, è un’opera complessa e grazie all’intervento della Michelacci si cerca di capire quali tra alcuni insegnamenti del passato possono essere attualizzati oggi, nel proprio quotidiano.
Tutto questo è “Percorsi al Femminile”, con l’auspicio che possa fungere da stimolo per una riscoperta della militanza al femminile la quale, come accade per la controparte maschile, altro non è che un riappropriarsi di qualcosa che è perso da troppo tempo, la femminilità.
La natura femminile che, all’interno di una comunità orientata dai valori della Tradizione, rappresenta organicamente una risorsa preziosa.

CUIB FEMMINILE DI RAIDO

Comunità Militante Raido

Dal 1995 in marcia per il Fronte della Tradizione: http://www.raido.it/politico/chi-siamo/