Salò-Berlino l’alleanza difficile

14.80

Disponibile

All’indomani dell’8 settembre

1 disponibili

Autore:Hans Werner Neulen, Nicola Cospito
Casa editrice: Mursia

All’indomani dell’8 settembre e della fuga del re e di Badoglio al Sud, Mussolini, liberato dai tedeschi, fondava la Repubblica Sociale Italiana, dando vita alla breve e tormentata stagione del fascismo repubblicano. La situazione all’interno – con la mancanza di approvvigionamenti, gli scioperi nelle fabbriche di Genova e Torino, gli attentati partigiani e le rivalità tra i gerarchi – finì per mettere in discussione l’autorità e il carisma del Duce. A ciò si aggiunsero poi i continui contrasti con le autorità del Reich in Italia.

I severi controlli, le pressioni per l’applicazione delle misure contro gli ebrei, la sfiducia nei gerarchi sospettati di tramare un nuovo tradimento, la questione dei militari italiani internati nel Reich e le pretese circa il servizio del lavoro per il quale oltre un milione e mezzo di lavoratori italiani avrebbero dovuto essere trasferiti in Germania, la creazione delle cosiddette zone d’operazione «Prealpi» e «Litorale Adriatico» che annullò di fatto la sovranità italiana nei territori nord-orientali, avvelenarono i rapporti tra i partner dell’Asse e resero l’alleanza tra Salò e Berlino oltremodo difficile.

Sulla base dei documenti segreti rinvenuti dagli autori negli archivi tedeschi e presentati in questo volume, non è azzardato sostenere che Mussolini e i fascisti della R.S.I. nei loro ultimi 600 giorni, più che fronteggiare l’avanzata degli anglo-americani, dovettero lottare contro i tedeschi per difendere la sovranità e l’integrità nazionale.

Anno

1992

Pagine

348

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Hans Werner Neulen


Nicola Cospito

Nicola Cospito è nato a Taranto il 28 gennaio 1951 e vive a Roma dal 1965. Docente di Storia e filosofia nei Licei per quattro decenni, è stato professore a contratto di Storia delle dottrine politiche nell’Università E Campus. Giornalista pubblicista dal 1987, traduttore e saggista, si è interessato da sempre alla cultura tedesca. Autore de I Wandervögel, la gioventù tedesca da Guglielmo II al nazionalsocialismo, giunta recentemente alla sua terza edizione con Passaggio al Bosco, ha pubblicato anche Julius Evola nei documenti segreti del Terzo Reich (Edizioni Europa, 1986), Salò Berlino, l’alleanza difficile ( in collaborazione con Hans Werner Neulen, Mursia 1992), Poco più di una storia personale (Nuova Impronta, 2008), Perché non sono democratico (Nuova Impronta, 2010), Nazionalpatriottici ( All’Insegna del veltro, 2013). Per la fondazione Evola ha curato con Gianfranco De Turris e Bruno Zoratto la pubblicazione di Julius Evola nei documenti segreti dell’Ahnenerbe (1997) e Jiulius Evola nei documenti segreti delle SS (2000). Ha diretto la rivista di politica e cultura Orientamenti e il mensile Progetto Sociale. Attualmente si interessa del fenomeno del tarantismo e dei fermenti culturali identitari della Puglia salentina.