Testamento di Ion Motza

8.00

Disponibile

il tributo di sangue della Guardia di Ferro di Romania nella lotta contro il bolscevismo in Ispagna

3 disponibili

Best seller
Autore:Ion Motza

“Io così ho inteso il dovere della mia vita. Ho amato cristo e sono andato felice alla morte per Lui!”.

Bene ha fatto l’Editore a riproporre la lettura delle ultime lettere che Ion Motza (…) invia ai genitori, allo stesso Capitano e ai suoi camerati. In poche pagine si racchiude il significato di una vita veramente grande, vissuta con purezza e abbandonata con fermezza. Si vivono momenti, nella sua lettura, toccanti, che scuotono l’intimità del nostro essere, che fanno pensare a quanta nobiltà c’è nell’uomo, se solo volesse ridestarla, che fanno aprire al senso di infinito che c’è nella morte accettata come dovere. (…) È noto che la forza formativa di una lettura non deriva dalla densità dei suoi contenuti, ma dagli stati interiori che riesce a suscitare. Spesso un messaggio intimo e puro, come questo di Motza, comunica direttamente tanta verità, più di quanta ne possa dare la meditazione di un libro nato dallo sforzo dell’intelletto. Testamento è una lettura che consigliamo vivamente a tutti i giovani, perché li aiuterà a maturare e a capire che cosa è il senso del sacrificio e del coraggio; agli adulti, perché rivedendo l’esempio della forza del distacco dai “sentimenti domestici”, potranno ritrovare un poco della loro giovinezza.

(“Heliodromos”, 24, dicembre 1985)

 

Anno

1984

Pagine

48

Ion Motza

Lo spirito delle fiabe dell’infanzia e delle battaglie epiche del nostro passato vive nella gioventù. Essa sente che nulla può dare alla vita bellezza e incanto se non lo slancio eroico e l’amore per un ideale. Questa purezza di sentire, dalla quale si leva la generosità del giovane per la conquista eroica della vittoria, questo vigoroso e splendido slancio verso l’ideale lo proteggono dall’angusta prigione dell’individualismo materialista e lo rendono atto ad essere integrato nella comunità.