Mea culpa

10.00

Disponibile

1 disponibili

Best seller
Autore:Louis-Ferdinand Céline

Posizione best seller

N. 1 in Guanda

N. 1 in Louis-Ferdinand Céline

COD: 9788823518742 Categorie: ,

Il libro:

Di ritorno dall’Unione Sovietica nel 1936, Celine pubblica il primo dei suoi scottanti e sbalorditivi pamphlet politici: “Mea culpa”. Il testo, che qui viene proposto nella traduzione e con una introduzione di Giovanni Raboni, non è solo l’appassionato e disperato atto d’accusa contro gli spaventosi limiti della natura umana, ma anche una preziosa testimonianza che permette di cogliere le illuminazioni di una spregiudicata profezia. In appendice al volume sono raccolti due testi che documentano da un lato la storia della ricezione di Mea culpa in Russia e rivelano dall’altro il rapporto di Celine con autorevoli esponenti francesi della “letteratura impegnata”.

Per un approfondimento: https://www.barbadillo.it/70975-cultura-mea-culpa-di-celine-e-lattualissimo-racconto-della-spocchia-dei-politici/

Anno

2018

Pagine

77

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Louis-Ferdinand Céline

Considerato un originale esponente delle correnti letterarie del modernismo e dell'espressionismo, Céline è ritenuto uno dei più influenti scrittori del XX secolo, celebrato per aver dato vita ad uno stile letterario che modernizzò la letteratura francese ed europea. Partecipò volontario alla prima guerra mondiale, rimanendo ferito gravemente e parzialmente invalido, nonché segnato psicologicamente per sempre dall'esperienza. Per le sue prese di posizione politiche e affermazioni in favore delle potenze dell'Asse, prima e durante la seconda guerra mondiale (si espresse anche in favore del collaborazionismo della Francia di Vichy con la Germania nazista dopo la sconfitta del 1940), esposte in pamphlet violentemente antisemiti, Céline rimane oggi una figura controversa e discussa. Emarginato dalla vita culturale dopo il 1945, il suo stile letterario fu preso a modello da alcuni scrittori che gravitavano attorno alla Beat Generation statunitense. Anche Charles Bukowski aveva grande ammirazione per la prosa letteraria di Céline, tanto da definirlo "il più grande scrittore degli ultimi duemila anni".