Il Tao della biologia

16.50

Disponibile

Saggio sulla comparsa dell’uomo

1 disponibili

Autore:Giuseppe Sermonti
Casa editrice: Lindau

«È l’uomo che deriva dalla scimmia o la scimmia che deriva dall’uomo?» Il dilemma non ha senso, se è vero che una specie che ha già imboccato una strada non può uscirne. L’idea dell’origine di una specie per aggiunte terminali ai caratteri di un’altra è ormai superata. Le specie sorelle sembrano piuttosto irradiarsi da un nodo comune disegnando quelle che sono state chiamate «esplosioni o radiazioni evolutive». Il problema è semmai chi, tra uomo e scimpanzé, si è più distaccato dal nodo, dalla forma primaria della sua famiglia. Per Darwin questo peregrino è l’uomo, e sul nodo è rimasta, immutata, un’arcaica scimmia. Invece l’uomo è la forma primaria, archetipica, conservatrice. Rispetto ai suoi congeneri ha conservato lo schema anatomico tipico, la base molecolare del proprio ordine di appartenenza. Egli è il Peter Pan dei Primati, «il bambino che non voleva crescere». È il primo, non l’ultimo.Nei termini del Tao, l’uomo è Yin, nero, tenero, femminile. La scimmia è Yang, bianca, dura, maschile. Uomo e scimmia sono due modalità dell’essere, opposte e complementari: ognuna contiene in sé la potenza inespressa dell’altra. L’uomo, solenne, è il sole della savana, la scimmia, festosa, istintiva, è la luna nel bosco. L’uomo ha avuto infusa un’anima che lo destina alla luce o al peccato; la scimmia, con il suo istinto innocente, subisce le catene dell’uomo.L’opera di Sermonti raccoglie e combina risultati scientifici, aneddoti, parabole, favole e variazioni filosofiche. Il protagonista è la scimmia, il modello è l’uomo, l’eroe è il bambino.

Anno

2015

Pagine

144

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Giuseppe Sermonti

Giuseppe Sermonti è stato genetista presso l’Istituto Superiore di Sanità in Roma, ha fondato la genetica dei microrganismi produttori di antibiotici e ha presieduto la International Commission for Genetics of Industrial Microorganisms. Nel 1964 ha vinto una cattedra di Genetica e nel 1970-71 ha presieduto l’Associazione Genetica Italiana. Nel 1980 è stato eletto alla vicepresidenza del XIV Congresso Internazionale di Genetica a Mosca. Lo stesso anno è stato chiamato alla direzione della «Rivista di Biologia» (fondata nel 1919). In quel periodo ha iniziato la sua critica allo Scientismo e all’Evoluzionismo darwiniano, che lo ha isolato dall’establishment accademico. Nel 1982 l’Accademia Pontificia lo ha invitato a partecipare a un gruppo di lavoro sull’Evoluzione dei Primati. Nel 1986 è stato tra i fondatori, a Osaka, del gruppo degli Strutturalisti dinamici, di cui la «Rivista di Biologia» è diventata l’organo. Alla ricerca dei significati non utilitaristi della scienza, ha indagato e scoperto leggi naturali e tecniche chimiche nelle fiabe del focolare. Ha scritto e rappresentato drammi sui protagonisti della scienza. Nel 2004 ha ricevuto il Premio per la Cultura della Vicepresidenza del Consiglio per le sue ricerche e critiche scientifiche.