Sedes Sapientiae

45.00

Disponibile

Le cattedrali di cui si parla in questo testo sono una porta stretta che accomuna l’arte sacerdotale, l’arte filosofica e, misticamente, anche quella “guerriera” di ogni tradizione e che conduce verso le stelle gli uomini di buona volontà.

1 disponibili

Autore:Claudio Lanzi
Casa editrice: Simmetria

Le abbazie e le cattedrali del periodo romanico-gotico rappresentano un raro esempio, a volte integralmente conservato, di questi luoghi particolari: un’architettura vivente dove l’osmosi fra l’uomo religioso (pio direbbero i latini) e la pietra è continua; dove ogni elemento è studiato per accogliere e sviluppare la spiritualità e l’introspezione di colui che la vive; dove l’umiltà psichica di chi osa superare i guardiani della soglia del protiro, si avventura nelle navate, attraversa la foresta di colonne, si arresta nell’ambone, si perde nei labirinti musivi, si ritrova nel transetto e si dilata nell’abside o nelle crociere, magnificando l’anima che trascende le ordinarie barriere spazio-temporali. Tale viaggio predispone all’ascolto del Logos, della voce di Dio; dove proporzioni e luci provenienti dalle rose frontali e dalle ogive colorate, sono sapientemente studiate e accuratamente orientate, anche se l’ingegneria utilizzata non prevarica mai l’apparente semplicità e casualità con la quale tutte le cose si trovano al loro posto. La cattedrale di cui si parla in questo testo è quindi una particolare janua coeli, una porta stretta che accomuna l’arte sacerdotale, l’arte filosofica e, misticamente, anche quella “guerriera” di ogni tradizione e che conduce verso le stelle gli uomini di buona volontà.

Titolo

Sedes sapientiae

Autore

Claudio Lanzi

Pagine

489

Editore

Simmetria

ISBN

9788887615616

Anno di pubblicazione

2009

Claudio Lanzi