Julius Evola dal dadaismo alla rivoluzione conservatrice

15.00

Disponibile

Julius Evola dal dadaismo alla rivoluzione conservatrice (1919-1940)

1 disponibili

Autore:Patricia Chiantera-Stutte
COD: 9788879993173 Categorie: ,
Casa editrice: Aracne

Il pensiero politico di Julius Evola (1898–1974) rappresenta il punto di incrocio tra la concezione neoconservatrice di area tedesca e il pensiero esoterico tradizionalista francese. Il volume riscostruisce il percorso culturale e l’attività politica di questo pensatore a cui si ispirano alcuni gruppi della destra europea contemporanea. Il suo pensiero e i suoi interventi politici vengono ricostruiti in riferimento alla storia italiana dagli anni Venti agli anni Quaranta e alle spaccature ideologiche interne al regime fascista, con particolare attenzione ai concetti di ordine politico, di gerarchia e di casta, categorie riscontrabili nella dottrina organica del circolo viennese di Spann e nella critica antimoderna di Guénon e di Bachofen.Patricia Chiantera–Stutte, dottore di ricerca in Filosofia presso l’Università del Saarland, è attualmente Jean–Monnet Fellow presso l’Istituto Universitario Europeo (IUE) di Fiesole. È autrice di diversi saggi sulla destra europea fra le due guerre, sul nazionalismo e sulla destra populista, tra cui: Autonomia intellettuale e politica (Napoli 1998); Von der Avantgarde zur Tradition (Francoforte 2002).

Anno

2005

Pagine

272

Patricia Chiantera-Stutte