Diari 1939/1940

25.00

Esaurito

Il libro:

«Con il Führer a mezzogiorno.  L’«offensiva» italiana contro la Grecia non incontra la sua piena approvazione. Non è stata concepita bene, e non offre uno spettacolo esaltante, almeno per ora». 2 novembre 1940

«Progressi molto lenti in Grecia. Il Blitzkrieg è un’invenzione tedesca, e finora è rimasto un brevetto tedesco». 3 novembre 1940

«Gli Italiani ci dicono che la loro offensiva in grande stile comincerà presto. Staremo a vedere!». 4 novembre 1940 

«Nessun progresso in Grecia. Roma, fidandosi troppo della pressione diplomatica, ha preparato l’intera operazione con molta fiacca. L’Italia è ormai completamente sulla difensiva. La situazione, ora, deve essere considerata molto grave dal punto di vista militare. Ed è anche un problema di cruciale importanza per noi. Vergogna, vergogna!». 12 novembre 1940

«L’intero problema è dovuto alla straordinaria noncuranza degli Italiani, che ha causato anche il pasticcio in cui si sono cacciati in Grecia. La campagna greca era basata unicamente sul bluff. Questo è l’errore più grave che si possa commettere. Prima di intraprendere simili azioni, bisogna considerare il peggio, e non il meglio. Adesso gli Italiani sono nei guai e devono pianificare, organizzare e preparare tutto da capo. Ciano è stato il responsabile dell’intera faccenda, contro il parere della maggioranza. Un altro trombone…». 15 novembre 1940

Esaurito

COD: 8000081750001 Categorie: ,

Il libro:

«Con il Führer a mezzogiorno.  L’«offensiva» italiana contro la Grecia non incontra la sua piena approvazione. Non è stata concepita bene, e non offre uno spettacolo esaltante, almeno per ora». 2 novembre 1940

«Progressi molto lenti in Grecia. Il Blitzkrieg è un’invenzione tedesca, e finora è rimasto un brevetto tedesco». 3 novembre 1940

«Gli Italiani ci dicono che la loro offensiva in grande stile comincerà presto. Staremo a vedere!». 4 novembre 1940 

«Nessun progresso in Grecia. Roma, fidandosi troppo della pressione diplomatica, ha preparato l’intera operazione con molta fiacca. L’Italia è ormai completamente sulla difensiva. La situazione, ora, deve essere considerata molto grave dal punto di vista militare. Ed è anche un problema di cruciale importanza per noi. Vergogna, vergogna!». 12 novembre 1940

«L’intero problema è dovuto alla straordinaria noncuranza degli Italiani, che ha causato anche il pasticcio in cui si sono cacciati in Grecia. La campagna greca era basata unicamente sul bluff. Questo è l’errore più grave che si possa commettere. Prima di intraprendere simili azioni, bisogna considerare il peggio, e non il meglio. Adesso gli Italiani sono nei guai e devono pianificare, organizzare e preparare tutto da capo. Ciano è stato il responsabile dell’intera faccenda, contro il parere della maggioranza. Un altro trombone…». 15 novembre 1940

Titolo

Diari 1939/1940

Autore

AA.VV.

Editore/Marca

Non disponibile

ISBN

8000081750001

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Nessuna informazione sull'autore.