I reparti corazzati della Repubblica Sociale Italiana 1943/45

20.00

Esaurito

Autore: Paolo Crippa

Pagine: 120


Il libro: Questo studio nasce quasi per caso, quando più di due anni fa durante una conversazione tra amici dissi scherzando che mi sarebbe piaciuto fare un censimento dei mezzi corazzati utilizzati dalle Forze Armate della Repubblica Sociale. Anche se l’idea appariva temeraria e difficilmente realizzabile, l’intenzione rimase. Con l’andare del tempo ho iniziato a radunare ed ordinare tutte le informazioni ed i dati relativi ai reparti corazzati della Repubblica Sociale Italiana che trovavo, anche se spesso si trattava solo di notizie incomplete o brevi accenni.
Questo testo ha origine perciò inizialmente come studio personale, che poi, grazie anche all’incontro con altre persone è diventato qualcosa di più. Indubbiamente è stato fondamentale il poter dialogare con alcuni degli appartenenti a questi reparti, persone che a distanza di sessant’anni non hanno esitato a darmi la loro completa disponibilità ed a rispondere alle mie domande, a riaprire vecchie ferite ed a rivivere un momento della loro vita comunque doloroso, perché legato all’esperienza della guerra, lasciandomi un patrimonio inestimabile di ricordi, che rischiano di andare perduti con il passare inesorabile del tempo.
Dietro a tutto questo non ci sono intenzioni celebrative, per un tempo che è passato, ma solo dalla volontà di fare un po’ di chiarezza su un argomento ritenuto secondario, in un ambito storico già di per sé abbastanza trascurato e offuscato per vari motivi. Di proposito ho ricercato la massima obiettività e non ho voluto entrare nelle motivazioni che spinsero molti Italiani, in un momento tremendo della nostra storia, a fare scelte difficili, che pagarono duramente a guerra finita, sicuri di aver comunque fatto qualcosa di giusto per la loro Patria.
I reparti presi in esame sono stati suddivisi in due categorie. Nella prima è stata ricostruita l’intera vita operativa delle unità blindate organiche nel modo più approfondito possibile, evitando di scadere nel monografismo per quei reparti dove le informazioni disponibili sono ingenti, sintetizzando tutte le informazioni reperibili dalla bibliografia specializzata, da documenti dell’epoca e da testimonianze di reduci, fornendo dettagli concernenti gli organigrammi, la storia, le dotazioni di mezzi, l’uniformologia e l’araldica.
Nella seconda categoria sono state prese in esame le formazioni che ebbero solo alcuni scarsi mezzi corazzati a disposizione. Per queste unità sono stati forniti alcuni dati a carattere generale, i mezzi in carico e, dove possibile, informazioni relative alla colorazione dei mezzi e al loro impiego in azioni di guerra. In questa sezione sono anche trattate quelle unità per le quali non si hanno conferme dell’effettiva presenza di corazzati tra le loro fila.

Esaurito

COD: 9788889089101 Categoria:

Autore: Paolo Crippa

Pagine: 120


Il libro: Questo studio nasce quasi per caso, quando più di due anni fa durante una conversazione tra amici dissi scherzando che mi sarebbe piaciuto fare un censimento dei mezzi corazzati utilizzati dalle Forze Armate della Repubblica Sociale. Anche se l’idea appariva temeraria e difficilmente realizzabile, l’intenzione rimase. Con l’andare del tempo ho iniziato a radunare ed ordinare tutte le informazioni ed i dati relativi ai reparti corazzati della Repubblica Sociale Italiana che trovavo, anche se spesso si trattava solo di notizie incomplete o brevi accenni.
Questo testo ha origine perciò inizialmente come studio personale, che poi, grazie anche all’incontro con altre persone è diventato qualcosa di più. Indubbiamente è stato fondamentale il poter dialogare con alcuni degli appartenenti a questi reparti, persone che a distanza di sessant’anni non hanno esitato a darmi la loro completa disponibilità ed a rispondere alle mie domande, a riaprire vecchie ferite ed a rivivere un momento della loro vita comunque doloroso, perché legato all’esperienza della guerra, lasciandomi un patrimonio inestimabile di ricordi, che rischiano di andare perduti con il passare inesorabile del tempo.
Dietro a tutto questo non ci sono intenzioni celebrative, per un tempo che è passato, ma solo dalla volontà di fare un po’ di chiarezza su un argomento ritenuto secondario, in un ambito storico già di per sé abbastanza trascurato e offuscato per vari motivi. Di proposito ho ricercato la massima obiettività e non ho voluto entrare nelle motivazioni che spinsero molti Italiani, in un momento tremendo della nostra storia, a fare scelte difficili, che pagarono duramente a guerra finita, sicuri di aver comunque fatto qualcosa di giusto per la loro Patria.
I reparti presi in esame sono stati suddivisi in due categorie. Nella prima è stata ricostruita l’intera vita operativa delle unità blindate organiche nel modo più approfondito possibile, evitando di scadere nel monografismo per quei reparti dove le informazioni disponibili sono ingenti, sintetizzando tutte le informazioni reperibili dalla bibliografia specializzata, da documenti dell’epoca e da testimonianze di reduci, fornendo dettagli concernenti gli organigrammi, la storia, le dotazioni di mezzi, l’uniformologia e l’araldica.
Nella seconda categoria sono state prese in esame le formazioni che ebbero solo alcuni scarsi mezzi corazzati a disposizione. Per queste unità sono stati forniti alcuni dati a carattere generale, i mezzi in carico e, dove possibile, informazioni relative alla colorazione dei mezzi e al loro impiego in azioni di guerra. In questa sezione sono anche trattate quelle unità per le quali non si hanno conferme dell’effettiva presenza di corazzati tra le loro fila.

Titolo

I reparti corazzati della Repubblica Sociale Italiana 1943/45

Editore/Marca

Non disponibile

ISBN

9788889089101

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Nessuna informazione sull'autore.