Il Mito del Sangue

€18.00

Disponibile

COD: 9788889515495 Categorie: , ,

Descrizione

Piero Di Vona, nella sua presentazione, mette in evidenza chiaramente il legame tra il pensiero di Evola e la sua adesione alla tradizione. Secondo Di Vona, Evola credeva che una politica razziale ben orientata potesse contrastare la regressione delle caste e riportare la società dal dominio dei servi e dei mercanti a un sistema guidato dai guerrieri, e forse persino a un ritorno all’età dell’oro.

Evola vedeva la necessità di ripristinare l’ordine originario delle razze nella storia, un processo che richiedeva una dinamica di inversione temporale, una sorta di ritorno alle radici. Questo significava nuotare controcorrente, risalendo il corso della storia moderna verso la sua sorgente. Evola immaginava questo processo come un movimento retrogrado, una risalita “in profondità, sotto la piena avversa”, contrario al flusso dominante della modernità.

In sostanza, per Evola, la politica razziale non era solo una questione di biologia o di etnia, ma anche un mezzo per riportare la società verso un ordine gerarchico e tradizionale, in cui il potere fosse nelle mani di coloro che incarnavano i valori guerrieri e aristocratici. Questo approccio riflette la sua visione più ampia della storia e della società, permeata da concetti di tradizione, gerarchia e ritorno all’ordine.

Informazioni aggiuntive

Pagine

Autore

Anno di pubblicazione

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.