Il Mito di Dracula nella Tradizione Romena

12.00

introduzione e tradizione di Claudio Mutti

Esaurito

Descrizione

(…) Secondo le tesi sostenute da Marinescu, lo stereotipo impressosi nell’immaginario collettivo a seguito della fiction letteraria e dei successivi adattamenti filmici sarebbe frutto di una distorsione sistematica degli elementi simbolici e mitici genuiti rintracciabili nel tessuto della tradizione romena, fino a divenirne un effettivo capovolgimento. Non si spiegherebbe altrimenti, a detta del saggista, come sia stato possibile trasformare un campione della Croce in accolito del demonio, la bevanda di vita salvifica per eccellenza – il sangue – nel laido nutrimento di un non-morto (che lo sottrae ad altre creature trascinandole nel suo destino di dannazione), il lupo, emblema della “funzione spirituale suprema” e “uno dei più antichi animali sacri dell’umanità”, in sinistro vessillifero delle forze diaboliche. E, di seguito, la caratterizzazione infera della cripta-loculo, custode del sonno diurno del “conte”, l’eros macabro e blasfemo diffuso in abbondanza nelle pagine stokeriane, la valenza invertita attribuita al colore nero. (…) Il testo di Marinescu è preceduto da una puntuale introduzione di Claudio Mutti (cui si deve pure la traduzione) che traccia un nitido ritratto storico del voivoda transilvano corredato di ragguagli linguistici e note aneddotiche sul presunto ispiratore (l’agente britannico ebreo Hermann Wamberger) del travisamento operato da Stoker. (Luciano Pirrotta, “Area”, marzo 2008)

Informazioni aggiuntive

Anno

2005

Pagine

94

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.