Julius Evola. Un filosofo in guerra 1943-1945

€18.00

Esaurito

COD: 9788842556756 Categoria:

Descrizione

Tra l’agosto del 1943 e la fine della Seconda Guerra Mondiale, Julius Evola, uno dei filosofi più controversi del XX secolo, si trova in un’Europa in pieno collasso. Da Berlino al Quartier Generale di Hitler nella Prussia orientale, e poi di nuovo a Roma, agisce come agente dietro le linee, dopo l’arrivo degli americani a Verona, per poi recarsi a Vienna dove, sotto falso nome, si occupa dell’esame di materiale massonico e rimane gravemente ferito durante un bombardamento, rimanendo paralizzato. Questo periodo poco conosciuto della vita del filosofo è stato ricostruito con minuzia di dettagli e documenti inediti. Il risultato è un saggio che, attraverso le vicende biografiche di Evola, analizza e rilegge le sue idee per un progetto politico destinato al periodo successivo alla guerra. Le riflessioni sul fallimento del fascismo e del nazismo, la nascita del Movimento per la Rinascita dell’Italia, l’esoterismo, la visione politica e artistica si intrecciano in una trama che ricorda una spy story, con servizi segreti tedeschi, false identità, attività e viaggi misteriosi, ferite fisiche e spirituali.

Informazioni aggiuntive

Pagine

Anno di pubblicazione

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.