La germania alla conquista dell’italia

€35.00

Disponibile

Descrizione

In Germania nazionalista, in Francia pacifista, in Italia neutralista, la finanza, descritta da Preziosi, poteva, intorno al 1916, dare il suo sostegno a ogni personaggio o movimento che si fosse accordato, anche inconsapevolmente, ai suoi scopi. Successivamente, avrebbe appoggiato simultaneamente il capitalismo statunitense, il bolscevismo russo, il colonialismo sionista. Opponendosi al pangermanismo, dissimulato nei progetti della Banca Commerciale Italiana, Preziosi volle difendere gli interessi italiani, anteponendoli a quelli di una finanza errante, mentre già deflagrava la guerra mondiale.

Informazioni aggiuntive

Anno

2013

Pagine

334