La morte dei fascisti

19.00

Esaurito

Descrizione

Titolo Completo: La morte dei fascisti.

Autore: Accame Giano

Anno: 2011

Pagine: 352


«Alzò le mani gettando l’arma, senza una parola si diresse verso un monumento, si aggiustò la divisa e il berretto e aspettò la morte. Era da ammirare, moriva per il suo ideale.»
Da Pericle a Ezra Pound, dalla Divina Commedia a Tommaso Filippo Marinetti, da Giovanni Gentile a Louis-Ferdinand Céline, una storia delle idee del XX secolo del tutto originale in cui Giano Accame passa in rassegna il rapporto concettuale e simbolico del fascismo con la morte, che la moderna società liberale ha rimosso, avendo perso il vero senso della vita, che non esclude il suo sacrificio per valori più alti come quello di patria.
Attraverso la letteratura, la filosofia e gli eventi storici, questo saggio, profondo e articolato, a cui l”autore ha lavorato letteralmente fino all”ultimo, analizza il valore della morte, spogliandola di ogni aspetto morboso per riscoprirne la concezione naturale e anti-individualistica che ne fa un fatto sociale serenamente accettato.

L’autore
Giano Accame (Stoccarda 1928-Roma 2009), giornalista e scrittore, inviato de “Il Borghese” dal 1958 al 1968, ha diretto il settimanale “Nuova Repubblica” e il quotidiano “Il Secolo d”Italia”. Autore, tra l”altro, di Socialismo tricolore (1980), Il fascismo immenso e rosso (1990), Ezra Pound economista (1995), La destra sociale (1996), Il potere del denaro svuota le democrazie (1998), Una storia della Repubblica (2000), ha anche realizzato programmi televisivi di successo. Arruolatosi nella RSI il 25 aprile 1945, a sedici anni, non ha mai rinnegato tale gesto.

Informazioni aggiuntive

Titolo

La morte dei fascisti

Autore

AA.VV.

Editore/Marca

Non disponibile

ISBN

9788842545064

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.