La porta d’avorio

14.00

Disponibile

Descrizione

Per gli antichi i sogni fallaci provenivano dall’altro mondo, e passavano da una porta d’avorio, da quella soglia è giunto il sogno ingannevole della globalizzazione, un miraggio, lie­vitato per secoli nelle viscere del tempo, per poi emergere nella storia. Ciò è avvenuto negli ultimi anni del XX secolo, quando il pianeta, crollato il bipolarismo, confuse l’imminente futuro come l’inizio dell’epoca dell’oro. In realtà, “le magnifiche sorti e progres­sive” rivelarono il loro vero volto e il Kali Yuga calò sulla terra.

L’uomo, tuttavia, travolto dal tranello onirico, non ne è cosciente, non percepisce di essere deprivato di dignità, di essere ridotto in uno stato sub-umano, di essere trasformato in servo del grande mercato. Egli è un dormiente che giace fra le coltri di un effimero quotidiano, percepito come unico scopo dell’esistenza. Recluso nella cella di un individualismo assoluto, imbonito dall’allucinogeno della rete, l’uomo globalizzato si sente signore dell’universo, senza rendersi conto di pascolare, da animale, nello stazzo della globalizzazione.

Vi sarà un risveglio? Riuscirà questo gregge di armenti che si az­zannano come lupi, a uscire da un incubo, vissuto come sogno? L’umanità sarà capace di riemergere dalla fossa del materialismo?

Una speranza vi è sempre e riposa sull’auspicio che una schiera dei risvegliati abbia il coraggio di ribellarsi, di navigare contro cor­rente, di combattere il pensiero unico, di opporsi al leviatano del capitalismo, una mostruosa ameba che mira ad accrescersi, per con­taminare, sfruttare, piegare e soffocare ogni dissenso.

Informazioni aggiuntive

Autore

Luigi Pruneti

Anno

2020

Pagine

100