L’identità come fondamento della città

95.00

Disponibile

Descrizione

Il libro

Dinanzi alla massiccia invasione migratoria e alla mortifera affermazione della “cancel culture”, i popoli europei sono esortati ad abbandonare la propria identità etnica e culturale per fare spazio ad un nuovo modello: la “società aperta”, frutto violento e informe dell’ideologia globalista.

La perdita di ogni equilibrio – dunque – minaccia la sopravvivenza stessa delle nostre Nazioni, esposte al livellamento cosmopolita del mondialismo apolide. Henri Levavasseur – con queste pagine – invita la nostra stirpe a riprendere consapevolezza di sé, ricostruendo la città sul fondamento imperituro della nostra identità. Riconciliare ethnos e polis, oltre il dominio della virtualità, il deserto dei “non luoghi”, la demonia del profitto e il trionfo dell’indistinto.

Ricostruire comunità che siano organiche e compatte, consapevoli delle proprie origini e fiere del proprio retaggio, fedeli all’eredità degli antenati e impermeabili alla rassegnazione del nostro tempo.

La Nazione è un principio spirituale fondato sull’eredità di una storia condivisa e sulla volontà di costruire un comune destino: ecco perché – oggi più che mai – il futuro può essere scritto solo attingendo alle radici profonde della nostra Civiltà.

Informazioni aggiuntive

Anno

2021

Pagine

110

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.