L’uomo, l’ambiente e se stesso

20.00

Disponibile

Descrizione

La sconfortante conclusione del vertice ecologico di Rio de Janeiro non è che l’ennesima conferma dell’assoluta impotenza della cosiddetta civiltà moderna a curare se stessa.
La dimensione apocalittica che il dissesto ambientale sta assumendo non permette più di affrontarlo come se si trattasse di un inconveniente spiacevole e rimediabile del moderno sviluppo. A che non sia del tutto accecato dai pregiudizi progressisti la tragedia ecologica appare invece come la prova materiale e irrefutabile del carattere diabolico e mortifero proprio di quel concetto di sviluppo umano e della mentalità che vi presiede, carattere già sicuramente affermato e denunziato dai grandi pensatori tradizionalisti, molto prima che le sue nefaste conseguenze anche per la biosfera, raggiungessero l’attuale tragica evidenza.

Informazioni aggiuntive

Autore

Rutilio Sermonti

Anno

1992

Pagine

318