Mito del regresso e nichilismo politico

€15.00

Esaurito

Descrizione

Il mito del regresso aspira a suscitare una ‘regressione’ della malattia della modernità, il cui ottimismo è, secondo Nietzsche, “l’ottimismo della vecchiaia e della decadenza”. Gli esponenti di tale passione ideologica muovono tutti da questa premessa: il progresso ha significato la rinuncia a quel ‘fedecommesso’ etico-politico delle sodalità aristocratiche che costituiva per il genere umano un patrimonio irrinunciabile. E le loro distinte prospettive risultano unificate dalla confluenza nella critica che essi rivolgono alla democrazia. L’antimodernità affermata dai mitologi del regresso diventa, alla fine, prassi politica attraverso il nichilismo politico, il quale non disdegna il ricorso alla mobilitazione reazionaria di massa.

Informazioni aggiuntive

Anno

2015

Pagine

152