Phantasticus. Disputa del chierico Pietro con l’insensato Raimondo

€12.00

Disponibile

COD: 9788886583282 Categorie: , ,

Descrizione

In un momento fondamentale della storia del medioevo, alla vigilia del Concilio di Vienne che sciolse l’Ordine Templare (1314), un clerico ed un laico discutono sui grandi temi della cultura del Medioevo europeo: la Crociata, la Chiesa, il rapporto fra Europa ed Islam fino a risalire alla concezione dell’uomo ed al ruolo della fantasia.

In prima edizione italiana una breve summa della cultura medievale al suo tramonto ad opra di una delle principali figure di mistico filosofo e poeta del medioevo.

Lullo parla con calore, acume, dolcezza, ma anche pizzica come il sale; chiama “al pane, pane ed al vino, vino”, come dicono gli spagnoli.

Santa libertà di spirito prettamente evangelica e francescana, che pure costarono al Doctor Iluminado dispiaceri, malintesi e sofferenze varie.

Questo breve testo mostra alla nostra generazione l’urgenza di ricondurci all’essenziale, così come scrisse Shakespeare: “L’occhio del poeta, in una felice ispirazione, spazia dal cielo alla terra, dalla terra al cielo; e mentre l’immaginazione riconosce la figura di cose sconosciute, la penna del poeta ble trasforma in forme, e dà alle cose astratte una sistemazione terrena e un nome” (Sogno di una notte di mezza estate, V,I,7).

Informazioni aggiuntive

Autore

Raimondo Lullo

Anno di pubblicazione

1997

Pagine

72