Descrizione

Quest’opera tratta di un’epoca travagliata e di autori poco conosciuti della storia del Giappone moderno: gli uomini e le azioni dell’estrema destra nipponica – con particolare attenzione al cosiddetto “fascismo giapponese” – nel periodo che va dalla fine del feudalesimo (1868) alla fine del parlamentarismo (1936). La vis guerresca nipponica, con le sue forme spesso paradossali descritte nel testo, suscita stupore: è feroce e compìta, barbara e raffinata, inesorabile e quasi liturgica, e conferma quella inestricabile identità del tragico con il sublime significata dal titolo di questo libro: Ten-chû [castigo del Cielo].

Informazioni aggiuntive

Anno

1995

Pagine

242

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.